Le Associazioni escursionistiche adottano i sentieri del Parco

I principali sentieri del Parco sono stati assegnati in adozione alle associazioni escursionistiche che ne hanno fatto richiesta in seguito alla pubblicazione dell’avviso emesso dall’Ente. L’adozione comporta operazioni di monitoraggio delle condizioni del tracciato, le segnalazioni e l’assistenza per l’esecuzione di interventi di natura straordinaria, l’apposizione, la modifica e la rimozione di segnaletica orizzontale, la segnalazione di assenza di segnaletica, di cartellonistica informativa, di danneggiamenti e atti vandalici, nonché infine la manutenzione leggera del tracciato.



All’associazione Gente in Aspromonte, con sede a Careri, sono stati assegnati complessivamente 61 km di sentieri, tra cui quello dei Greci, il percorso di monte Cucupo, quello tra il passo del Mercante e lo Zomaro,  il sentiero Zomaro – Villaggio Moleti, il percorso del picco “Aria del Vento” a Natile Vecchio, il percorso Ciminà – Monte Pettorotondo – Tre Pizzi ed , infine quello di monte dell’Orgiata (anello di Pietra Cappa).

Il Gruppo Escursionisti d’Aspromonte, GEA, con sede a Reggio Calabria, invece curerà il sentiero del Brigante che da Gambarie arriva al Passo della Limina per un percorso di 70 km.

Il Club Alpino Italiano, CAI, sezione Aspromonte con sede a Reggio Calabria, ha adottato il sentiero Italia per 84 km.

All’Asproverde, con sede a Sinopoli, sono stati assegnati sei km di sentieri che comprendono quello del Mausoleo di Garibaldi con Gambarie. Infine l’Ekoclub International, sede Reggio Calabria, ha adottato solo una parte del sentiero Grancu – cascate  Mundo e Galasia per 3 km.

I soci delle associazioni impegnati nell’adozione di sentieri del Parco, al fine di essere facilmente identificati e riconosciuti, indosseranno un gilet segnaletico simile a quello della foto.